LA CRITICA CRITICA. Quintali di massa critica

dicembre 6, 2007

Aggiornamento su Santa Claus

foto-b1.jpg

Leggo su Corriere di oggi un articolo a firma di Elmar Burchia:

Microsoft «uccide» Babbo Natale. Su Messenger Santa Claus risponde a due ragazzine parlando di sesso orale.

Il Babbo Natale virtuale, online da un anno, parlava di argomenti inerenti alla festività come il Polo Nord, le renne, i regali. Alla fine si è ritrovato a parlare di sesso, oltretutto in modo esplicito. Sembra abbia detto a 2 ragazzine: You want me to eat what?!? It’s fun to talk about oral sex, but I want to chat about something else. …e poi abbia chiuso imprecando: «dirty bastard».

Non esistono più i Babbi Natale di una volta!

QUI l’articolo completo
Rag. Vega

[estratto da: palermo web]

san-nicola.jpg

Nel mese di dicembre il giorno sei del calendario gregoriano si festeggia San Nicola comunemente conosciuto come di Bari o Mira, vescovo di questa antica città della Licia in Asia Minore, nel nostro tempo, Turchia. La sua vita fu caratterizzata dalle numerose opere di pietà e di carità, divenuto orfano di entrambi i genitori non volle continuare a vivere nell’agiatezza che i suoi gli avevano lasciato, pensò di distribuire le sue abbondanze in favore degli ultimi per onorare Dio.
Morì il 6 dicembre a Mira in una data incerta fra il 345 e il 352.

santa-claus2.gif


Il tempo ha fatto mutare le sue sembianze, la mantella rossa si è trasformata in giacca e pantaloni bordati di pelliccia bianca, la mitra di vescovo un cappuccio a punta di color rosso dal bordo di bianco. Santa Claus ha conservato la folta barba bianca ed è aumentato di peso con una pancia da bonaccione.

In Europa in tempi recenti divenne Babbo Natale.

La redazione de La Critica Critica augura buon onomastico a tutti i lettori che portano questo nome.

Link utili:
www.societafilantropica-marullo-fratellid-italia.wordpress.com
http://www.marullo.splinder.com/
www.santaclaus.com

Annunci

1 commento »

  1. Amo vedere film sul Natale, anche quando sono ovvi e patetici. Amo abbandonarmi al sentimentalismo ipocrita di questa festa.
    Amo riflettere su come in certe occasioni tutto questo riesca a regalarmi un velo di malinconia con cui coprirsi nelle notti più fredde, quando la compagnia è un optional non gradito e la solitudine l’unica compagna con cui chiacchierare.

    “Mille anni al mondo, mille ancora,
    che bell’inganno sei anima mia
    e che bello il mio tempo, che bella compagnia…”

    (Anime Salve – F. De Andrè)

    Commento di Post Scriptum — dicembre 14, 2007 @ 9:35 am | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: