LA CRITICA CRITICA. Quintali di massa critica

novembre 17, 2007

Proustiana: madeleinettes di pensiero sotto forma di riflessioni di Proust, su Proust, intorno a Proust. Madeleinette n°1: Proust was a neuroscientist

Filed under: Letteratura,Proustiana — lacriticacritica @ 2:47 pm
Tags:

Sempre sullo stesso quotidiano, apprendo che è appena uscito un libro di un giovane giornalista e neuroscienziato americano dal titolo a dir poco (furbamente) attraente: Proust Was A Neuroscientist.

Il venticinquenne (!) giornalista Jonah Lehrer, studioso di neuroscienze alla Colombia University e di Letteratura del XX secolo ad Oxford, vi sostiene che insigni personalità dell’arte (Proust è in buona compagnia: Woolf, Cézanne e Stravinskij) furono, senza saperlo, pionieri delle neuroscienze: anticiparono, cioè, nelle loro opere, conclusioni che solo alcune recenti scoperte sui meccanismi della visione o sulle strutture del linguaggio sono state in grado di confermare sperimentalmente.

Pare che Lehrer, in una pausa dei suoi esperimenti sulla natura della memoria, abbia cominciato a sfogliare il primo volume della Recherche proustiana (di cui presto, o pazienti lettori, come avrete capito dal titolo dell’editoriale, tornerete a sentir parlare su queste pagine), Dalla Parte di Swann. «Mi aspettavo solo un po’ di svago o forse la possibilità di apprendere l’arte di costruire belle frasi» confessa Lehrer, ma Proust si rivelò ben presto un inatteso Virgilio: aveva già scoperto quanto il giovane scienziato stava affannosamente cercando, sembrava sapere, ed eravamo all’albeggiare del XX secolo, che odori e sapori producono ricordi eccezionalmente intensi e che la memoria dipende dal momento e dallo stato d’animo della persona che ricorda. Gli scienziati, a simili risultati, ci sarebbero arrivati quasi un secolo dopo.

 

Annunci

2 commenti »

  1. Per chi volesse capire meglio Proust:

    E poco dopo, sentendomi triste per la giornata cupa e la prospettiva di un domani doloroso, portai macchinalmente alle labbra un cucchiaino del tè nel quale avevo lasciato inzuppare un pezzetto della maddalena. Ma appena la sorsata mescolata alle briciole del pasticcino toccò il mio palato, trasalii, attento al fenomeno straordinario che si svolgeva in me. Un delizioso piacere m’aveva invaso, isolato, senza nozionedi causa. E subito, m’aveva reso indifferenti le vicessitudini, inoffensivi i rovesci, illusoria la brevità della vita…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale. Da dove m’era potuta venire quella gioia violenta ? Sentivo che era connessa col gusto del tè e della maddalena.
    (Marcel Proust, Dalla parte di Swann)

    …ma non ha il coraggio di leggere il libro:

    Ingredienti (per 4 persone):
    – Olio di semi 200 q.b.
    – Farina di grano “00” 200 grammi
    – Zucchero 200 grammi
    – Cacao amaro in polvere 100 grammi
    – Uova 4
    – Sale fino

    Esecuzione:
    Sbattete le uova e lo zucchero in una terrina e riscaldandole a bagnomaria, a fuoco molto basso.
    Togliete la terrina dal fuoco e dal bagnomaria.
    Unite il burro a fiocchetti e mescolate con una spatola.
    Continuando a mescolare, aggiungete la farina setacciata un po’ per volta.
    Unite anche il cacao.
    Mescolate fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.
    Prendete due stampi da madeleine, imburrateli e infarinateli.
    Versate un cucchiaio di composto in ciascuna cavità e livellate.
    Cuocete in forno caldo a 200° per circa 15 minuti.

    Commento di Serena — novembre 17, 2007 @ 3:40 pm | Rispondi

  2. Grande Serena,

    purtroppo (me marrano, me infelice, me tapino) non ho tempo per mettermi a leggere ALLA RICERCA DEL TEMPO PERDUTO… ma magari provo a fare le “Maddalene”.

    Rag. Vega

    Commento di lacriticacritica — novembre 17, 2007 @ 3:51 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: