LA CRITICA CRITICA. Quintali di massa critica

novembre 30, 2007

Radio Flash, diamo i numeri

Filed under: Uncategorized — lacriticacritica @ 7:35 pm

Ragazzi,

domani mattina il nostro amico Ilario Meandri sarà in diretta su Radio Flash. Vi rimando al post qui in basso x info e frequenze. In studio (rigorosamente in silenzio) ci sarà anche il Rag. Vega.

Mandate i vostri SMS che ci divertiamo. Firmatevi codardi!. Ecco i numeri:

Per chiamare in diretta è 011.611040
Per gli sms 340.2607626

Torino, serata Anobii

Filed under: Letteratura — lacriticacritica @ 3:37 pm
Tags: , , , ,

 

image_person.jpeg image_person-1.jpeg

image_person-3.jpeg image_person-2.jpeg

RADUNO di anobinii e anobiani torinesi & firends:QUANDO: sabato 1 dicembre 2007 dalle 21,30

DOVE: circolo pueblo, corso palestro 3 torino (zona via garibaldi/piazza statuto)

http://www.circolopueblo.com

——————–

COME FUNZIONA?

1. IL BADGE
a ciascun anobino che si è precedentemente iscritto, viene fornito un badge personalizzato con il proprio nick. Bozza del badge:
http://www.circolopueblo.com/lab/wp-content/uploads/20…

2. CHE LIBRI PORTARE
ciascun anobino deve portare con sé (almeno) un libro (bello, che ha letto e gli è piaciuto, o comunque non un riciclo qualsiasi), firmato con il proprio nick (eventuale dedica o commento sono opzionali) ed impacchettato.

nota: consigliamo vivamente di comprare i libri -usati- nelle bancarelle di via po, corso siccardi, balon ecc (con una spesa di max 3 euri si trovano capolavori!)

3. LA PESCA DEL LIBRO
per ogni libro portato e infilato in apposito scatolone, l’anobino riceverà in cambio un buono. con questo buono, l’anobino parteciperà alla pesca del libro.
a fine pesca, sono ammessi scambi, risse, baci e letture pubbliche dei brani dei libri pescati.

Vuoi iscriverti? Ecco qui il link http://www.anobii.com/anobi/forum_thread.php?tid=7085&pid=130&lid=#new_thread

I Critici critici ci saranno! Special guest: FunnyG, Elena, Invisigot.

[ma cosa cavolo è questo Anobii??? —–> http://www.anobii.com/]

Merzbow + Valerio Tricoli – Artissima @ Torino Lingotto, 08 Novembre 2007

Filed under: Musica — lacriticacritica @ 3:24 pm
Tags:

Il live set di Valerio Tricoli si accende improvviso, quando il salone espositivo del Lingotto è ancora affollato dal via vai di imprenditori dell’arte. Dire che l’installazione del ¾ Had Been Eliminated sia site specific è ancora dir poco: il suono delle macchine si inerpica, pieno, per la rampa in cemento che conduce all’Ovale della Fiat, aderisce alle pareti, profondo in altezza, foderando internamente la struttura cilindrica. L’effetto è amplificato da intermittenti lampi di luce che squarciano il buio assoluto a ritmo di musica, fino alla sinestetica esplosione finale di bianco accecante e rimbombare di bassi. Alla batteria, presenza celata in uno degli ultimi tornanti della rampa, quindi al di sopra del pubblico dislocato ai primi livelli, la batteria del sodale Andrea Belfi conferisce, ce ne fosse bisogno, maggior dinamismo alla performance.

Si attende per Merzbow. Si attende per mezz’ora abbondante di rumore bianco a gradiente ritmico variabile – si passa dalla totale assenza di impalcatura ritmica all’incalzare di beat quasi gabber. Uno schiaffo – fisico, ancor prima che morale – a quanti, a pochi metri di distanza, mercanteggiano opere d’arte modello grande magazzino. A quei passanti, di tutto punto vestiti, che, di ritorno dalla Fiera dell’Arte Contemporanea, incappano, loro malgrado, in quel monstrum sonoro che si dimena tra mille rantoli. Che tornano alle loro Porsche, ora tappandosi le orecchie, in un disperato tentativo di oltrepassare indenni quel campo di forze; ora osservando esterrefatti, basiti, qualcuno un po’ schifato – e solo dopo aver guardato in alto, a quelle teste che spuntano dai vari piani della rampa che conduce all’ovale del Lingotto, come a chiedersi come possano tante teste appartenere a persone così idiote da farsi devastare da simile tormento. Una performance dal potente valore simbolico, prima e più che estetico: le frequenze che salgono su per la rampa, quel muro di suono generato da un distinto signore orientale che da tempo si fa chiamare Merzbow, sono – nome omen – la risultante – culturalmente connotata, dopotutto: un prodotto dannatamente giapponese – di tutti gli scarti di una società alla deriva.

(pubblicato, con qualche modifica, su www.sentireascoltare.com)

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

foto di bruben.com

novembre 29, 2007

Flash Cafè con Ilario Meandri

Filed under: Letteratura,Musica — lacriticacritica @ 9:20 pm
Tags: , , , , , ,

modydick.jpg

Emeriti lettori,

dopo l’incredibile trionfo ottenuto con la performance radiofonica di FunnyG, siamo lieti di annuncuarvi che sabato prossimo lo scrittore-traduttore-etnomusicologo Ilario Meandri sarà ospite di Radio Flash. Ilario, critico critico non praticante e collaboratore di Baricco, è reduce dal successo ottenuto con il Moby Dick della coppia Baricco-Vacis, lo spettacolo teatrale ispirato al testo di Melville andato in scena al Parco della Musica di Roma la settimana scorsa.
Interverrà nella trasmissione FLASH CAFE’ condotta da Roberto Placido, dalle 9.30 alle 10.30.

Ecco come fare per ascoltare i 2 PERSONAGGIONI 😉 :

Piemonte e zone limitrofe: FM 97.6

Resto del mondo (compresa Lucania): http://www.radioflash.to/
…poi scegliere in alto a sinistra: RadioflashFM

Sarà possibile intervenire con domande, considerazoni, sfottò ecc… :

Invisigot ci ha mandato i contatti per interagire con la diretta radio, eccoli:

numero per chiamare in diretta è 011.611040

Per gli SMS 340.2607626 

Buon divertimento criticoni, aspettiamo vostri sms e chiamate in diretta!

novembre 28, 2007

Ringraziamento per il Barbagianni

Filed under: Musica — lacriticacritica @ 9:32 pm
Tags:

E’ con estremo piacere che la critica critica ringrazia il Barbagianni per la citazione sul suo blog (www.ilbarbagianni.com, a nostro avviso il più autorevole spazio sulla rete dedicato al mondo degregoriano) del post sul concerto di De Gregori a Livorno.

Grazie barbagianni!

Questo post vale anche come conferimento ad honorem del titolo di critico critico. Che tu possa criticare “sempre e per sempre”…ci siamo capiti!

SE CONSIDERI LE COLPE

Filed under: Letteratura — lacriticacritica @ 7:27 pm
Tags: , , , ,

ESCLUSIVA MONDIALE. Intima ed appassionata recensione dell’ultimo libro di Andrea Bajani.

bajani_colpe_speciale.jpg

Affezionati lettori, FunnyG è finalmente dei nostri!

Andrea Bajani, pagine 170, euro 14,00. Einaudi, Torino 2007

Leggere il libro di questo giovane autore emergente è stato un bicchiere di un vino buonissimo che non riesci a smettere di bere, anche se sai che sarebbe meglio bere piano piano; è stato un tuffo: immergersi, risalire e cominciare, bracciata dopo bracciata, a prendere il ritmo.
Non penso che un libro, nel bene e nel male, possa cambiare la visione del mondo. No. Ma questa storia, che ripercorre all’indietro la vita e le scelte di una donna che abbandona la famiglia per il lavoro e per seguire un uomo sbagliato, ci aiuta a dare un senso alle parole, soppesandole, scegliendole, mantenendo bassi certi toni, delineando paesaggi e profili, senza eccedere, senza fare emergere un personaggio sull’altro, senza dividere il mondo tra vincitori e vinti, colpevoli e innocenti. Ne risulta un atto d’amore.
Partire per la Romania, terra di nuova conquista di imprenditori europei senza troppi scrupoli, e lasciarsi alle spalle la vecchia vita, figlio compreso. Queste pagine riescono a lenire dolori che non si riesce nemmeno a concepire. È un attimo: ricordare e sentire forti certi vuoti, sapere che ci sono sensazioni che si possono condividere e che i viaggi “al contrario”, dalla fine di certe storie a come sono cominciate, possono servire a dirsi, da soli, che è possibile resistere al cuore che esplode, alla vita che non c’è più, alle scelte egoiste di chi amiamo, ai vuoti, alle assenze, alle mancanze.
La storia raccontata è anche altro, molto altro.
Dopo la prima lettura resta la delicatezza dello scrivere di cose grandi, forti. La leggerezza, la luce opaca sui personaggi che si illuminano all’improvviso senza, però, essere mai del tutto in luce, come la patina di vecchie fotografie in bianco e nero che sembra fermare il tempo.
G.S.

novembre 27, 2007

“…Pezzi di emozione che non si interrompe”. De Gregori Live @ Teatro Goldoni, Livorno. 26 novembre 2007

Filed under: Musica — lacriticacritica @ 9:00 pm
Tags:

Livorno 25/11/07 – Una dedica a Piero Ciampi, cantautore livornese, poeta maledetto, amico di Francesco De Gregori, nonostante la distanza siderale che lo divideva dal mondo. Poche parole per ricordarlo e in un istante il teatro va in “Pezzi di emozione che non si interrompe, Pezzi di Musica sotto le bombe”, mentre la figura secca e alta di De Gregori si staglia su uno sfondo nero interrotto da qualche fascio di luce viola.

In circa due ore il cantautore romano ripercorre gran parte della sua carriera artistica rivisitando brani storici in chiave acustica, consona all’ambientazione teatrale.

Poco rock e tanta verve, soprattutto quando ripropone un brano ormai dimenticato dai fans meno assidui: “Baci da Pompei” è superba e infiamma il teatro coadiuvata dal gioco di luci che ricrea, sul palco, il fuoco che devastò la città campana nel 79 d.c.

Non c’è un attimo di tregua, le canzoni scorrono inesorabili senza interruzioni di sorta, se non per la “pausa sigaretta” tra primo e secondo tempo e per le domande che un bambino seduto accanto a me in prima fila rivolge alla sua mamma: la sua unica preoccupazione è sapere con certezza che De Gregori non interrompa il suo concerto perché infastidito dal nostro cantare.

Ogni suo concerto è un work in progress, come ama definirlo egli stesso e io continuo a rimanere estasiato ad ogni live, di fronte ad ogni vecchia canzone che rinasce in ogni data del tour.

Bravo Ciccio, sei il mio maestro però lo ignori!

PRIMO TEMPO

  • Titanic
  • I muscoli del capitano
  • L’abbigliamento di un fuochista
  • La leva calcistica della classe ‘68
  • Battere e levare
  • Festival
  • Caterina
  • Adelante adelante!
  • Baci da Pompei
  • Compagni di viaggio

SECONDO TEMPO

  • Numeri da scaricare
  • Ti leggo nel pensiero
  • Vai in Africa Celestino
  • La ballata dell’uomo ragno
  • Natale
  • Rimmel
  • Caldo e scuro
  • Il bandito e il campione
  • La valigia dell’attore

BIS

  • La donna cannone
  • Buonanotte fiorellino

 

 

Gino De Dominicis. Fondazione Merz, Torino. Dall’8 novembre 2007 al 6 gennaio 2008. Su di una recente visita non guidata

Filed under: Arte — lacriticacritica @ 8:36 pm
Tags:

G rafismo

I mpertinenza

N arcisismo

O riginalità

D iabolico

E steta

D andy

O rgoglioso

M ozzarella in carrozza

I mprevedibile

N ottambulo

I nclassificabile

C omplesso

I ronico

S olitario

 

 

 

 

 

 

novembre 26, 2007

Filed under: Arte — lacriticacritica @ 11:32 pm

Potenza e l’estetica del brutto

Il ponte di Musmeci

[IN FOTO: POTENZA, il ponte di Musmeci ovvero l’eccezione che conferma la regola, il bello che dà senso al brutto]

“Un opera d’arte è tanto più bella quanto più grande è la quantità di negativo, di brutto, che ha dovuto vincere” – Franz Rosenkranz

Un paio di giorni fa la nostra FunnyG è stata ospite di un noto programma radiofonico. Chi l’avesse sentita ricorderà certamente il suo intervento a favore di Potenza come capitale galattica del brutto.

I critici critici si uniscono a lei in questo giudizio e pertanto vi invitano a visitare la città. Il prossimo 29 maggio, in occasione della Sfilata dei Turchi (trash-revival), la redazione organizzerà un tour per le vie del Capoluogo lucano. La Sfilata di quest’anno si annuncia memorabile, per la prima volta infatti vedrà la nostra FunnyG tra le protagoniste del corteo storico. Al momento non possiamo ancora rivelarvi cosa indosserà, il suo contratto le impone il massimo riserbo.

I lettori che fossero interessati al viaggio culturale possono contattare la redazione.


Il ponte di Musmeci

Pagina successiva »

Blog su WordPress.com.